Vivere è donare

La persona umana

si realizza nell’amore che si dona.

Questa è la sua vocazione,

la sua dignità,

la norma del suo agire.


Ma la donazione

è un cammino lungo e difficile.

Donare qualcosa non basta,

bisogna donare se stessi.

La gioia del dono

fiorisce sempre sul sacrificio

della rinuncia e del distacco.

Per questo, non c’è dono di sé senza lotta.


Nel cuore umano

si trovano di fronte e si combattono

due forze: l’egoismo e l’amore.

L’amore che si dona agli altri

è sempre una vittoria sull’egoismo

che ci fa ripiegare su noi stessi.

Il vertice della donazione è un “perdersi”

perché l’altro abbia la vita e la gioia.


Sì, vivere è donare.

La donazione è il cuore

del mistero cristiano.

Amore più grande non c’è

che dare la vita per gli amici,

ha detto Gesù.

L’ha detto e lo ha fatto

quando è morto per noi sulla croce.


Gesù ha donato per noi la sua vita;

dunque anche noi dobbiamo donare

la nostra vita per i fratelli.

Questa è la regola suprema per il cristiano.

Una regola di vita

che affonda le radici

nel mistero stesso di Dio.

Dio è Padre, Figlio e Spirito Santo.

Dio è tre persone

che formano tra loro una cosa sola,

in un perfetto dono reciproco.

Per questo la persona umana,

creata a immagine di Dio,

si realizza nell’amore che si dona.

Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito, perché chiunque crede in lui non muoia, ma abbia la vita eterna.

Dio non ha mandato il Figlio nel mondo per giudicare il mondo, ma perché il mondo si salvi per mezzo di lui.”

Vangelo di San Giovanni 3, 16-17

Abbiate in voi gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù,

il quale, pur essendo di natura divina, non considerò un tesoro geloso la sua uguaglianza con Dio;

ma spogliò se stesso, assumendo la condizione di servo e divenendo simile agli uomini; apparso in forma umana,

umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce.

Per questo Dio l’ha esaltato e gli ha dato il nome che è al di sopra di ogni altro nome;

perché nel nome di Gesù ogni ginocchio si pieghi nei cieli, sulla terra e sotto terra;

e ogni lingua proclami che Gesù Cristo è il Signore, a gloria di Dio Padre.”

Lettera di San Paolo ai Filippesi 2, 5-11

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...